de | it

lavori di restauro completati

Grazie ai finanziamenti dell’ Unione Europea attraverso il progetto Interreg DOLOMITI LIVE, le mura sono stati restaurati e resi più visibili e accessibili



alcune impressioni della marcia storica 2019



marcia storica al museo il 30-03-2019

In collaborazione con la Legio VI Ferrata e l’associazione Draco Audax il Museo organizza una passeggiata da Valdaora di Sotto  al Museo Mansio Sebatum di San Lorenzo. Parteciperanno circa 25 persone in costumi storici. Partenza da Valdaora di Sotto alle ore 10. L’arrivo a San Lorenzo e’ previsto per le ore 15:30.

Alle ore 17 si terra’ una conferenza in lingua italiana sul tema “gentes per / intra viam” popoli e contatti culturali lungo la strada romana. Relatori: Max Berger dell’Ass.ne Legio VI Ferrata, Dario Ceppatelli, responabile del Archeodromo di siena  e parte dell’Ass.ne Curtis Winigia, Maria Mascher di Bolzano dell’Ass.ne Ulrich von Starkenberg. L’ingresso e’ gratuito.

Entrata libera al Museo anche la domenica successiva dalle ore 10 alle ore12. Saranno presenti anche alcuni marciatori in costumi storici.

 

 



San Lorenzo Pichlwiese: Una necropoli di età romana in Val Pusteria

Nel 2001/02 fu scoperto un cimitero romano a San Lorenzo di Sebato. Vennero rinvenute 84 tombe di cremazione e inumazione databili dal I al VI secolo. Il cimitero di Pichlwiese è uno dei più importanti reperti della cultura funeraria romana della regione. Ora è disponibile un’ampia pubblicazione. Oltre alla storia della ricerca, comprende anche indagini scientifiche e un’analisi dettagliata di tutte le tombe e dei loro corredi. Il libro è stato presentato al pubblico alla presenza del Dott. Florian Mussner, assessore alla cultura, e della Dott.ssa Catrin Marzoli, direttrice dell’Ufficio Beni Archeologici della Provincia di Bolzano . Un ringraziamento particolare per questo lavoro scientifico va al Dott. Lorenzo Dal Ri e al Dott. Umberto Tecchiati dell’Ufficio BeniArcheologici, editori della pubblicazione, e alla società SRA (Societá Ricerche Archeologiche) di Bressanone, in particolare alla Dott.ssa. Margherita Feltrin e Dott.ssa Noris Zandó, che hanno effettuato l’analisi dettagliata di tutti i reperti funerari.



Progetto Interreg “Archeologia in rete”: gli antichi abitanti delle Alpi orientali

Progetto Interreg “Archeologia in rete”: gli antichi abitanti delle Alpi orientali

Il progetto conivolge i tre musei di Pieve di Cadore, San Lorenzo di Sebato e Döllsach con l´obiettivo di creare una rete informale tra strutture e territori accumunati dalla presenza di importanti siti di Epoca romana da valorizzazione attraverso azioni specifiche e la realizzazione di prodottidi comunicazione e marketing.

La Magnifica Comunitá di cadore, proprietaria del Museo Archeologico cadorino, concentrerá la propria azione locale sulla riqualificazione culturale del pavimento musivo, reperto proveniente da una villa romana sita poco distante dal museo, oggi conservato nell`atrio del Palazzo della Magnificae sullo Studio die reperti provenienti dai siti di Valle Cadore.

Il Consorio turistico di Brunico, come responsbile del Museo manso Sebatum, interverrá sulle aree archeologiche di “Balnea” e “zona artigianale” che fanno riferimento al Museo Mansio Sebatum. Sono previst intervventi di restauro finalizzati a una approfondita conoscenza dei siti e a una loro accessibiltá.

la direzione del museo di Aguntum realizzerá una modellazione 3-D dell’ insediamento romano”Municipium Claudium Aguntum”. Il quadrato d’insieme della cittá romana verrá analizzato e ricostruito attraverso techniche digitali che consentiranno ai visitatori di comprendere la complessitá costruttiva, la sua strutturazione e estensione.

Le attivitá transfrontaliere sono focalizzate nella comunicazione e nel marketing per promuovere i musei e i tre territori in maniera coordinata. In particolare verrá realizzato un cortometraggio comune che possa collegare tutte le realtá interessate e ideati materiali di comunicazione.

 

 



Presentato una nuova guida al museo

In presenza di Dr. Martin Ausserdorfer, sindaco di San Lorenzo di Sebato, Dr. Karin dalla Torre della Ripartizione Musei della Provincia di Bolzano, Dr. Hubert Steiner dall’ ufficio dei Beni archeologici e altri ospiti d’onore é stato presentato la nuova guida al museo. Il Libretto che é stato realizzato dall’ ufficio Gruppe Gut Gestaltung e da Dr. Christian Terzer  comprende 50 pagine e ci mostra il modo di vivere della popolazione nell’ etá del ferro e epoca romana attraverso testi ben leggibili e foto di diversi reperti del museo.



Tour Virtuale del Museo

Il tour permette la visita del museo effettuando una passeggiata virtuale, muovendosi all’interno degli ambienti.

 



Nuovo nel Museo: Cinturone di bronzo e monete d´oro

Il cinturone di bronzo di Lothen

Il cinturone di bronzo con motivi di due cervi fú trovato nel 1940 sotto il Burgkofel di Lothen. Le larghe lamine di cinturone sono componenti caratteristiche dell´abbigliamento retico del V e IV sec. a. C.. La lamina di Lothen é probabilmente un´offerta votiva. L´iscrizione votiva retica sul retro recita: Xanuel Suries dona (o offre) a Hepru un´opera di Klunturus. “XANULE SURIES KALA HEPRU IA IL KLUNTURZS”. Non é stato chiarito se il nome Hepru sia riferito a una divinitá oppure a una persona di ragno.

 

Guertelblech von Lothen
by mansio_sebatum
on Sketchfab

 

Tesoretto di monete

Il tesoretto fú trovato negli anni 30 del scorso secolo a Sebatun. Si tratta di 22 monete in oro ( 11 tremisses e 11 solidi ) del V e VI secolo d. C., coniate sotto gli imperatori romani d´Oriente Leone I, Zenone, Anastasio, Giustino I e Giustiniano.



nuovo nel museo: moneta celtica

Finalmente é arrivata la moneta celtica 1./2. sec. a. Chr.



La AbfB distretto Val Pusteria visita il museo

I membri del AbfB del distretto Val Pusteria mostravano grande Interesse per l´archeologia

 





Museum Mansio Sebatum
Via J. Renzler 9
39030 San Lorenzo di Sebatum
Tel. +39 0474 538196
info@mansio-sebatum.it